Motion Lab (Movement Opportunities and Technology Innovations for Neurorehabilitation Laboratory) offre competenze professionali nel campo dello sviluppo di tecnologie avanzate nell’ambito della biorobotica, della neurorobotica, della robotica per la riabilitazione motoria e sensoriale e della biomeccanica per la diagnosi, la riabilitazione, il monitoraggio, l’analisi del movimento e del rischio caduta, e il recupero dell’autonomia dei pazienti grazie alla sinergie tra bioingegneri, medici e professionisti della riabilitazione.

I principali filoni di ricerca presso il Motion Lab riguardano lo studio del movimento (cammino ed esplorazione spaziale con l’arto superiore) di soggetti con differenti patologie neurologiche. Sono inoltre previsti la progettazione, lo sviluppo e la validazione di sistemi robotici indossabili per la riabilitazione neurologica, applicazioni di trattamenti riabilitativi di realtà virtuale e studi di tele-riabilitazione (per la continuità delle cure al domicilio del paziente).

 Il laboratorio è equipaggiato con un sistema optoelettronico a sei telecamere a infrarossi e due telecamere video (VICON) accoppiato con due piattaforme di forza (AMTI). L’analisi dei dati cinematici e cinetici fornisce un quadro strumentale quantitativo del movimento, da cui partire per guidare in maniera funzionale il piano riabilitativo terapeutico.

Fa parte della strumentazione del laboratorio un elettromiografo a trentadue canali (OBT) che permette l’analisi dei segnali elettrici proveniente dai muscoli e fornisce informazioni sulla corretta attivazione degli stessi.

Il laboratorio è equipaggiato inoltre con un sistema per l’analisi del consumo metabolico per le valutazioni dei pazienti neurologici ad interessamento cardio-polmonare.

Motion Lab è stato attivato nel 2017 attraverso un accordo di cooperazione scientifica e tecnologica tra Casa di Cura Privata del Policlinico e l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna.

Il laboratorio ha come Responsabili Scientifici Dott. Massimo Corbo (Direttore Scientifico Casa di Cura Privata del Policlinico) e il Prof. Silvestro Micera (Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna), e si avvale della collaborazione del Dott. Antonio Caronni (Fisiatra) e del Dr. Peppino Tropea (Bioingegnere).